• Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
Inizio CHIESE
Le Chiese

S.Biagio

S.Biagiopicc

 

CHIESE DI SAN BIAGIO.

Ogni Chiesa è un atto di amore, che tramanda nei secoli, la fede e la devozione di chi ha contribuito alla sua costruzione e al suo sviluppo.Chiesa di antichissime origini

Chiesa antica.

Questa aveva una sola navata, con tetto a capriate di legno. Era costruita in senso trasversale, opposto quindi a quello dell'attuale Collegiata. L'ingresso si apriva nel Vicolo di Schiavonia, vicino all'odierno altare del SS. Sacramento. Di fronte si ergeva l'altare maggiore, entro un'abside detta Cappellone, con coro di 13 sedili e inginocchiatoi dipinti a colore, e ornato di pitture. Ne curava la manutenzione la Confraternita del SS. Sacramento, che, a sue spese, nella seconda metà del 500, vi fece eseguire varie pitture, da un fermano denominato "Maestro Giovanni".

 

 

Chiesa di Sant'Antonio e Francesco

facciatapicS.Antinio

 

Fu costruita in stile romanico, migliorata verso la metà del 1200, donata dai Benedettini Rambonesi a San Francesco, secondo una antica tradizione, ospite nell'Abbazia nel viaggio del Santo da Forano a Sanseverino. E' certo che i conventuali di San Francesco vi s'insediarono nel 1285, dedicando la chiesa a San Francesco, quando ancora chiesa e ospizio erano isolate sul colle pollentino, divenuto poi al tempo dell'Albornoz, sede del paese attuale. Subì il saccheggio e l'incendio nel 23 agosto del 1443 dalle truppe di Ciarpellone, capitano dello Sforza.

 


 

 

Immacolata Concezione (1821)

Immac.ConcpicLa chiesa, già esistente nel XVII secolo (come testimoniato da un documento conservato presso l’Archivio Storico Comunale di Pollenza: cfr. Stato attivo e passivo dell’Eredità Accursi -1816- e Piano sulli mezzi per la riedificazione delle cadenti Chiesa e case annesse, vedi Promemoria sopra l’eredità del fu’ Boromeo Accursi di Montemilone, busta Chiesa Immacolata, Eredità Accursi, prot. 43) ,  è incastonata tra le facciate dei palazzi prospicienti sulla piazza della Libertà. Nel suddetto documento si informa che Borromeo Accursi, col testamento fatto il 17 dicembre 1697, dispose parte dei suoi beni per l’erezione nella chiesa (già esistente) intitolata all’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, di quattro Cappellanie.

 

 

S.Giuseppe

 

La chiesa, intitolata a S. Giuseppe, è annessa al convento delle Clarisse, le eredi delle “edificantissime monache” che nel 1556 lasciarono la piccola casa vicino la chiesa di S. Biagio per traslocare nel nuovo complesso, compreso tra vicolo delle Monache e via Olivieri, edificato grazie alla munificenza di Giovanni Greco.

 

S.Maria della Pace

.

Madonna-della-PacepicL'erezione della Chiesa della Pace fu decisa nell'adunanza consiliare del 5 Febbraio 1612, data " la devozione et il concorso del popolo „ , che andava " alla Croce, posta nel Cassaro Vecchio „ e per effettuare una disposizione testamentaria del Sig. ANTONIO MARIA MALVELLI, il quale aveva stabilito che la " Madonna di piedi di Terra s'habbi da transportare in detto luogo del Cassaro „ e si dovesse chiamare " MADONNA DELLA PACE.

 

 

S.Valentino

 

S.-Valentinopicc

 

piccola chiesa in una zona che si ha ragione di ritenere come area dell'antico abitato romano in quanto scavi archeologici hanno evidenziato resti di strade romane (acciotolato) poco distanti dalla zona dove sono rinvenute antiche sepolture picene.

 

 

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 4